CONDIVISIONE SOLIDARIETA' DIGNITA'
CONDIVISIONE SOLIDARIETA'          DIGNITA'

Chi sono

Nome: Giuseppe Provenza

Residenza: PALERMO

 


Hobby: musica, lettura

Musica preferita :   Operistica: Puccini e Verdi, Classica: Mozart e Beethoven, Jazz: Benny Goodman, Duke Ellington, Louis Armstrong, Ella Fitzgerald

Film preferito: La vita è meravigliosa (Frank Capra - 1946 con James Stewart)

Lingue straniere: inglese, francese

Ciao, sono Giuseppe Provenza e abito a PALERMO. Per quanto nato, casualmente, a Catania, sono cresciuto a Palermo e mi reputo palermitano, anzi palermitano doc, visto che i miei antenati, fin dove si arriva indietro nel tempo, sono sempre stati palermitani.

 

Nella mia vita professionale ho fatto il bancario e l'assistente universitario. Da bancario ho cominciato allo sportello, per poi diventare successivamente programmatore informatico, analista organizzativo presso il Servizio Organizzazione, Condirettore del Servizio Personale e concludere la carriera come Direttore prima della Filiale di Trieste e poi della Filiale di Bologna.

Nel periodo in cui svolgevo la funzione di programmatore, con l'autorizzazione del Consiglio d'Amministrazione della banca, sono stato assistente (prima volontario e poi incaricato) di Politica Economica presso la Facoltà di Economia di Palermo, funzione che ho lasciato quando, divenuto funzionario, gli impegni in banca non mi consentivano più di svolgere le due funzioni insieme.

 

Adesso, da pensionato, collaboro con la Facoltà di Economia in progetti di consulenza.


Sono attivista di Amnesty International, iscritto al gruppo 243 di Palermo e con incarichi a livello nazionale, essendo componente del Coordinamento Europa, in cui ho l'incarico di seguire Bielorussia, Ucraina, Moldova, Georgia, Azerbaijan e Armenia.


Sono socio del Mensa Italia.

 

Sono Membro del Consiglio di Presidenza dell'Associazione ex Dipendenti della mia ex banca.

 

Ho appena finito di scrivere, e mi appresto a pubblicarlo, un libro sulla rivoluzione siciliana che portò la Sicilia a staccarsi dal Regno delle due Sicilie e alla indipendenza per quindici mesi nel 1848-49. Il titolo del libro è "1848-49 l'ultima indipendenza siciliana".

 

Nel poco tempo libero che mi resta mi dedico ai miei hobby. soprattutto la lettura, sia di romanzi, sia di saggi riguardanti temi sociali, in primo luogo l'economia, la politica, la filosofia e la storia.